Un’amministrazione più efficiente

25_business_B
facebook-icon-romapuoidirloforte
twitter-icon-romapuoidirloforte

Un’amministrazione più efficiente per attrarre le imprese

L’inefficienza della pubblica amministrazione è considerata una dei fattori che ostacolano gli investimenti stranieri in Italia. La crisi dei tradizionali settori produttivi che hanno sostenuto l’economia di Roma nei decenni passati impone però di attrarre risorse sul territorio metropolitano, per consentire una sua trasformazione. Per la sua posizione geografica e la presenza di un aeroporto con collegamenti internazionali come Fiumicino, rafforzati dalle recenti vicende societarie di Alitalia, Roma può essere un centro importante dal punto di vista economico per la regione del Mediterraneo e del Sud Europa. Perché le imprese decidano di avere la loro sede a Roma e non in altre città che offrono loro maggiori servizi e più efficienza, è necessario dedicare un’attenzione particolare all’attrattività economica del territorio, soprattutto dal punto di vista amministrativo. Altre città – anche di rango inferiore, come ad esempio Casablanca (Marocco), dov’è stato creato il sistema “Casablanca Finance City” – si stanno imponendo in questo modo come poli regionali di attrazione di investimenti e sedi di importanti imprese.

Creare un marchio “Rome Business Center” (RBC) al quale potranno accedere le imprese che soddisferanno determinate condizioni in termini di dimensioni e di settori di intervento, con un’attenzione particolare alle sedi regionali di multinazionali che decideranno di installarsi a Roma e alle imprese che svolgono larga parte della loro attività all’estero. A queste imprese saranno concessi vantaggi specifici sul piano fiscale e amministrativo. In particolare, saranno conclusi accordi con gli altri soggetti pubblici competenti per garantire l’adempimento delle formalità di registrazione entro 48 ore e il rapido esame delle istanze di autorizzazione. Lo sportello del RBC si incaricherà di tutti gli adempimenti necessari per l’avvio dell’attività, comprese quelli relativi alle domande di titoli di soggiorno o visti per lavoratori stranieri. Tutte le pratiche saranno seguite dal RBC in modalità informatica.

Al Rome Business Center potrà essere dedicata una parte delle risorse già utilizzate per la gestione dello Sportello unico delle attività produttive. Specifiche risorse dovranno essere previste per la predisposizione delle strutture necessarie per la sua facile individuazione (sito internet, linea telefonica diretta) e la formazione delle persone addette a quest’ufficio.

La predisposizione del Rome Business Center richiederà da sei mesi a un anno.

L’attrazione di imprese di grandi dimensioni e con una forte vocazione internazionale può essere un elemento centrale per il rilancio economico di Roma. Sono prevedibili anche effetti indiretti legati al turismo d’affari generato dalla presenza di queste imprese sul territorio cittadino e, più in generale, all’indotto a esse collegato.

La presenza delle sedi di grandi imprese potrà avere degli effetti positivi sull’occupazione, oltre a migliorare l’immagine di Roma come città dinamica e proiettata verso l’estero.